Modello 730

Il decreto Liquidità consente l’assistenza fiscale a distanza per i soggetti titolari di redditi di lavoro dipendente e assimilati, consentendo ai C.A.F. ed ai professionisti abilitati di gestire tramite canali telematici e utilizzando procedure semplificate l’elaborazione del modello 730/2020 e l’acquisizione della delega di accesso al 730 precompilato.

Con la Circolare n. 9/E del 13 aprile 2020 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito le modalità con cui i C.A.F. e i professionisti abilitati possono operare l’assistenza fiscale a distanza.

Lo Studio si avvale di una piattaforma informatica per la compilazione del modello 730 online in maniera semplice e pratica, mettendo a disposizione del contribuente uno SPORTELLO VIRTUALE.

Lo Studio è un centro periferico TFdC, pertanto è in grado di offrirti e garantire se decidi di usufruire dei nostri servizi di un operatore dedicato in video-conferenza che si occuperà di compilare il modello 730, una polizza assicurativa che ti garantisce la copertura per qualsiasi errore possa commettere il nostro centro C.A.F. nella gestione del modello 730.

Inoltre, il nostro centro C.A.F. ti garantisce l'assoluta riservatezza nel trattamento dei tuoi dati personali e sensibili di cui viene a conoscenza nell'espletamento delle attività di assistenza fiscale.

CONTRIBUENTI CHE UTILIZZANO IL MODELLO 730

  • pensionati o lavoratori dipendenti. Rientrano in questa categoria anche quei cittadini italiani che lavorano all’estero ed il cui reddito viene definito in base alla retribuzione definita annualmente con apposito decreto ministeriale;

  • tutti i cittadini che percepiscono durante l’anno indennità che sostituiscono il reddito di lavoro dipendente, come indennità di mobilità o salariali;

  • soci di cooperative di produzione e lavoro, cooperative di servizi, cooperative agricole e di trasformazione di prodotti agricoli e di piccola pesca;

  • sacerdoti della Chiesa Cattolica;

  • giudici costituzionali, parlamentari nazionali e tutti coloro che detengono altre cariche pubbliche come consiglieri regionali, provinciali, ecc.;

  • coloro che svolgono lavori socialmente utili;

  • lavoratori che sono stati assunti con un contratto di lavoro a tempo determinato per un periodo inferiore all’anno;

  • cittadini che lavorano in ambito scolastico e sono stati assunti con contratto a tempo determinato;

  • lavoratori che possiedono soltanto redditi di collaborazione coordinata e continuativa;

  • produttori agricoli che sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta, IRAP e IVA.

POSSONO UTLIZZARE IL MODELLO 730 I CONTRIBUENTI CON I SEGUENTI REDDITI:

  • redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, come co.co.co e contratti di lavoro a progetto;

  • redditi che derivano da terreni e fabbricati;

  • redditi di capitale;

  • redditi di lavoro autonomo che non richiedono partita IVA, ovvero: prestazioni di lavoro autonomo che non vengono esercitate in modo abituale;

  • redditi diversi, ad esempio quei redditi che derivano da terreni e fabbricati che si trovano in territorio estero;

  • redditi a tassazione separata elencati nel quadro D.

CONTRIBUENTI CHE SONO ESONERATI DAL PRESENTARE IL MODELLO 730:

La regola generale che stabilisce chi deve fare il 730 individua anche i cittadini esonerati dalla presentazione del modello, ovvero coloro che non obbligati a tenere le scritture contabili possiedono redditi per i quali è dovuta un’imposta inferiore a €10,33. Rientrano nelle categorie di esonero:

  • hai percepito reddito da un unico sostituto di imposta, datore di lavoro o ente pensionistico con l’obbligo di effettuare le ritenute di acconto;

  • hai percepito redditi conguagliati con l’ultima CU 2019;

  • non possiedi detrazioni per il coniuge o per un familiare a carico;

  • non hai sostenuto spese per cui si ha diritto a una deduzione dal reddito o una detrazione dall’imposta;

  • non devi pagare addizionali IRPEF regionali o comunali.

A causa dell’emergenza del coronavirus il decreto varato dal Governo con la formula salvo intese, ha approvato la proroga per la presentazione del modello 730/2020 non solo per i contribuenti residenti nelle zone rosse e limitrofe.

le scadenze previste per la presentazione del modello 730 tramite i professionisti abilitati o i CAF:

  • 15 giugno - per i modelli 730 presentati dal contribuente entro il 31 maggio;

  • 29 giugno - per quelle presentati dal 1° al 20 giugno;

  • 23 luglio - per quelle presentati dal 21 giugno al 15 luglio;

  • 15 settembre - per quelle presentati dal 16 luglio al 31 agosto;

  • 30 settembre - per quelle presentati dal 1° al 30 settembre.

NB. Questo calendario diventerà comunque strutturale a partire dal 2021.

Nella presentazione del Modello 730 si deve ricordare:

  • raccogliere ed esibire la documentazione che certifica i dati indicati nel modello 730. Anche qualora si decida di presentare il modello 730 precompilato, è opportuno avere a disposizione tutta la documentazione utile a verificare i dati precompilati presenti nella dichiarazione;

  • conservare tutta la documentazione, perchè può essere richiesta dall’Amministrazione finanziaria. Bisogna ricordare che l’Agenzia delle Entrate può chiedere la documentazione (art. 36-ter del DPR n 600/73) per la verifica del modello presentato. I soggetti che presentano il modello 730 precompilato devono conservare soltanto la documentazione relativa a dati non presenti (o modificati) dal modello precompilato;

  • ricordarsi che non si deve allegare niente alla presentazione del modello 730, la documentazione deve essere conservata dal contribuente fino al 31 dicembre 2025, in vista di possibili controlli fiscali.

ELENCO DOCUMENTI

Elenco dei documenti da presentare in originale e fotocopia.

N.B. - I documenti elencati sono puramente a titolo esemplificativo. Si ricorda che la documentazione deve essere presentata in originale e conforme alla normativa vigente per essere portata in detrazione.

Nel caso il modello 730 è stato compilato in modo corretto, ma il contribuente si è accorto di aver dimenticato di indicare degli oneri deducibili o detraibili, c'è la possibilità di:

  • presentare entro il 25 ottobre un modello 730 integrativo. Il modello 730 integrativo deve essere presentato a un intermediario (Caf, professionista), anche se il modello precedente era stato presentato al datore di lavoro o all'ente pensionistico

  • presentare, in alternativa, un Modello Redditi entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta successivo.

Nell'eventualità il contribuente si è accorto di aver dimenticato di dichiarare dei redditi oppure ha indicato oneri deducibili o detraibili in misura superiore a quella spettante, deve presentare obbligatoriamente un Modello Redditi e pagare direttamente le somme dovute, compresa la differenza rispetto all'importo del credito risultante dal modello 730, che verrà comunque rimborsato dal sostituto d'imposta.

  • Lavoratori dipendenti
    riceveranno il rimborso del modello 730 direttamente in busta paga a Luglio, nel caso in cui il Modello 730 sia stato compilato riportando i dati relativi al sostituto di imposta, in questo caso specifico il datore di lavoro.

  • Pensionati
    riceveranno ad Agosto il rimborso nella rata della pensione.

  • Chi non ha un sostituto d'imposta
    in questo caso, sarà compito dell’Agenzia delle Entrate effettuare il rimborso 730 entro la fine dell’anno (o all’inizio dell’anno successivo) per tutti quei lavoratori dipendenti che non hanno inserito nel modello 730 riferimenti al sostituto di imposta.

Per ulteriori informazioni puoi consultare la pagina FAQ, dove trovi le risposte ai quesiti più frequenti posti dai nostri clienti. Se non riesci a trovare la risposta alla tua domanda, non esitare a contattarci telefonicamente o inviarci una e-mail.

• centro assistenza fiscale

• orari di apertura dello Studio

Lo Studio è aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 14,30 alle 19,00.

Raccomandiamo ai nostri clienti di fissare un appuntamento prima di venire presso i nostri uffici, questo eviterà lunghe attese.

Il sabato si riceve esclusivamente previo appuntamento.

• come raggiungere lo Studio

METRO A
L.go dei Colli Albani

BUS - linea 85
P.zza S.M. AUSILIATRICE

BUS - linea 87
L.go dei colli Albani


• pagamenti

Si accettano pagamenti con carta di credito e bancomat.

Top